HomePage

Bio

Palmares

Medagliere

Media

 

The End!
Venerdì, 06 Novembre 2015

Mettiamo la parola fine anche su questa stagione, iniziata forzatamente tardi (18 aprile) e finita un po' prima (25 ottobre) rispetto alle mie abitudini...sto già invecchiando e devo centellinare le energie! Su per giù una ventina di competizioni che mi hanno portato come di consueto qua e là per l'Italia e per l'Europa attraverso esperienze sempre nuove. Non voglio essere di tante parole, magari prima della fine dell'anno ci sarà tempo per scrivere qualcosa più nel dettaglio, ma ora preferisco solo lasciarvi con qualche immagine che per me rappresentano i momenti più emozionanti della stagione, sperando che possiate vedere in esse anche solo una piccola parte di ciò che vedo io, riflettendo sul fatto che questi scatti sono solo la punta dell'iceberg, tutto ciò che sta sott'acqua, che non si vede ma che si vive per arrivare fino a questi attimi, è molto molto di più.


Madeira (POR), Campionati Europei, medaglia di bronzo!


Ancora una volta sul tetto d'Europa!


Scalata allo Zucco, terza vittoria in questa classica a due passi da casa, sulle mie montagne e fra la mia gente.


Finale Campionati Italiani, medaglia d'argento, sul podio fra due amici.


Memorial Partigiani Stellina, scrivere il nome in quest'albo d'oro non era scontato ed ha molti significati.


Coppa delle Alpi conquistata! ;-)


Betws-Y-Coed (Wales) - felicità a caldo dopo la battaglia vinta...


...dopo qualche anno di nuovo sul tetto del mondo, africa e padroni di casa GB battuti.


La Smarna Gora porta sempre bene, 2° posto fra l'oro e il bronzo mondiali!


La quinta al Vanoni non poteva mancare!


...e per chiudere l'immancabile festa a casa del Fume!!!

Ci sono tantissime persone che dovrei ringraziare, da chi mi supporta quotidianamente a chi ha condiviso con me anche solo qualche minuto di corsa, chi mi segue alle gare e chi mi tifa da casa, i miei sponsor Brooks e la new entry GunaSport, la mia squadra GS Orobie, la Federazione e chi realmente tiene vivo il progetto mountain running. La speranza è sempre che questa disciplina possa crescere mantenendo i valori sportivi e umani che la contraddistinguono ora...se crescere volesse dire perderli, forse meglio rimanere nel nostro piccolo mondo sconosciuto ai più e godercelo finchè si può! ;-)

 

Argento, vi spiego...
Sabato, 08 Agosto 2015

Eccomi qua con un nuovo argento al collo, il secondo ai Campionati Italiani dopo quello del 2013, sento spesso la gente dire: “meglio terzo che secondo”, come se il secondo posto fosse il piazzamento sfigato, il primo dei battuti… beh, forse questo ragionamento può essere vero per sport, o meglio, giochi, come il calcio, dove spesso non vince il più forte e nemmeno chi merita, ma piuttosto una finale viene decisa da episodi fortuiti, errori arbitrali o, peggio ancora, combine… 

Ecco, qua sì che il secondo può essere additato come sfigato o sentirsi usurpato di qualcosa. Nella corsa in montagna invece non funziona così, tutto ciò che ti guadagni devi sudartelo sulla strada, mesi e mesi di lavoro per arrivare a correre al massimo quell’ora di gara, non esistono errori arbitrali o colpi di fortuna che fanno rotolare la palla in rete, sei solo tu, le tue gambe e la tua testa… Se poi qualcuno sul traguardo ti precede significa che è più bravo, o almeno quel giorno o in quella gara lo è stato, che poi sia perché ha gestito meglio le energie, interpretato meglio il tracciato o semplicemente perché ne aveva di più, non importa, fa tutto parte del gioco! Certo che nel post gara un po’ di delusione ci può stare e credo sia legittimo, ma non può durare più di tanto quando sai di aver dato il massimo e quindi non resta che applaudire chi ha vinto. Tutto questo per dire, se non si è ancora capito, che sono orgoglioso del mio argento! ;-)

In questi giorni sono di nuovo a Sestriere e ci rimarrò fino al 15 agosto per l’ultimo stage di allenamento in altura prima dei Mondiali, che saranno il 19 settembre in Galles. Purtroppo ho dovuto anticipare il raduno rispetto al resto della squadra ma non ho potuto fare altrimenti perché dal 17 sarò impegnato col tirocinio di fisioterapia alla clinica Maugeri di Veruno (NO). E’ sempre bello allenarsi qui a Sestriere, almeno finchè il meteo è clemente come in questi giorni, spero di riuscire a fare qualche buon lavoro e mettere un po’ di chilometri nelle gambe, il mondiale sembra ancora lontano, ma il tempo passa veloce e il 19 arriverà in un attimo! A presto :-)

 

Porto Moniz, un Bronzo, un Oro
Lunedì, 20 Luglio 2015

Eccomi, ci ho messo un po' a riorganizzare le idee dopo i Campionati Europei, ma certe cose si sa, vanno metabolizzate! Cosa dire, una medaglia di bronzo individuale che se qualcuno me l'avesse pronosticata anche solo tre mesi fa, l'avrei preso per matto; ancora a maggio faticavo a riprendermi dall'infortunio patito quest'inverno, era già un periodo che mi allenavo discretamente, ma la condizione migliore sembrava ancora lontana e i dubbi erano tanti, non sapevo nemmeno se sarei riuscito a qualificarmi per quegli europei...poi però, come spesso succede, il lavoro inizia a dare i suoi frutti, quasi da un giorno all'altro, aggiungiamoci un paio di gare che girano per il verso giusto ed ecco che i momenti difficili diventano lontani ricordi e la testa inizia a focalizzarsi su nuovi obiettivi.

Nel mese precedente agli europei, sfruttando il maggior tempo libero dovuto al termine delle lezioni universitarie, ho cercato di fare tutto al meglio, senza pensare troppo al risultato che sarebbe potuto arrivare ma con l'intenzione di tornare là davanti dopo una stagione 2014 vissuta fra alti e bassi per vari motivi. Da metà giugno, con tutti gli altri azzurri, siamo saliti ai 2000mt del centro Federale di Sestriere, tappa ormai divenuta fondamentale prima di ogni evento internazionale per rifinire la condizione sfruttando gli effetti della quota e dove, in un modo o nell'altro, si riesce sempre a "fare gruppo" condividendo fatiche e divertimenti, cosa che sembrerà banale ma che risulta fondamentale anche in uno sport individuale come il nostro!
E così si arriva velocemente al 2 luglio, giorno della partenza verso Porto Moniz, centro turistico situato sull'isola portoghese di Madeira, ad accoglierci troviamo un'isola molto particolare, completamente montagnosa, immersa nel verde e ricoperta di terrazzamenti dove vengono coltivate banane, viti e patate. Il giorno seguente vola fra prova percorso, cerimonia d'apertura e organizzazione e così siamo già al gran giorno!
Ci si trova per colazione verso le 8, la tensione c'è e come sempre si cerca di stemperarla con qualche battuta, verso le 9.30 prendiamo il pullman che ci porta in zona partenza, la vediamo per la prima volta scoprendo che si partirà sulla spiaggia! Ore 11.30, lo sparo, si parte... I primi 5km sono molto duri, con 1100mt di dislivello, dopo la lotta iniziale per le posizioni riesco a stabilizzarmi fra il decimo e il 15° posto, non mi posso permettere una partenza più decisa, soprattutto su queste pendenze e quindi imposto il mio ritmo aspettando pazientemente che qualcuno davanti venga "rimbalzato" dalla salita...puntualmente questo accade, recupero posizioni evitando di andare fuori giri, ben presto non ho più idea dicome sono piazzato, ma per ora non mi interessa troppo, la gara è ancora lunga e mi concentro solo sulle mie sensazioni, al termine del tratto ripido ci saranno ancora 7km da percorrere, molto più facili e più adatti alle mie caratteristiche. Eccoci al fatidico 5° km, da qui in avanti conosco il percorso, avendolo visionato il giorno prima, mi sento ancora bene ed è quindi il momento di provare a dare tutto; dopo poche centinaia di metri passo uno svizzero, continuo a spingere e davanti a me inizio a vedere l'altro svizzero Schneider che ha appena raggiunto il mio compagno di squadra Berni Dematteis, a lungo in testa nella prima parte...scopro di essere quarto e continuo a guadagnare terreno su chi mi precede, verso l'8° km raggiungo Berni, provo ad incitarlo, sarebbe bello finire in due sul podio, ma dopo due titoli europei consecutivi oggi non è la sua giornata migliore e chiuderà settimo; io ho già puntato Schneider, ormai a pochi secondi; quando lo raggiungo mancano meno di 3km al traguardo e per la prima volta vedo il norvegese in testa alla corsa, mi dicono che sto recuperando e l'istinto mi dice di provarci, quindi continuo nella mia azione, la strada ora scende leggermente, pianura, poi una breve risalita e ancora discesa, siamo ai - 1.5km, lo svizzero mi si è incollato dietro e sento ormai che la spia delle riserva si è accesa...

Entriamo nel tratto finale sul prato, gli appoggi non sono più regolari e fatico a tenere il ritmo, Schneider mi passa e sono costretto a mettermi sulla difensiva, riesco a tenerlo fino al - 500mt, qui la strada torna a salire e capisco che la benzina è finita definitivamente, perdo qualche metro e guardando avanti vedo anche il norvegese Bugge a pochi secondi, ma ormai le posizioni sono definite...è BRONZO per me e grazie al 6° posto di Xavier, al 7° di Bernard e al 13° di Luca, ancora una volta è ORO per la nostra fantastica squadra!!! E come sempre l'emozione più grande, l'inno italiano tutti assieme sul gradino più alto!
Vi lascio con un video realizzato dal mio amico Marco che riassume un po' questa avventura portoghese. A preso, Alex

 

EMRCH2015 - Porto Moniz
Sabato, 27 Giugno 2015

Primo aggiornamento 2015 che arriva a fine giugno...molto male, ma non vi farò il riepilogo degli ultimi mesi, meglio pensare al futuro a breve termine! Manca infatti una settimana giusta giusta ai Campionati Europei che quest'anno si disputeranno a Porto Moniz, sull'isola portoghese di Madeira e da una decina di giorni siamo in raduno con la squadra azzurra a Sestriere, quest'anno siamo più numerosi degli altri anni, infatti oltre a tutta la squadra che andrà agli europei, c'è anche il team che prenderà parte ai mondiali lunghe distanze a Zermatt, eventi che quest'anno coincidono come data, e un gruppo di maratoneti.

Nonostante in questo periodo a Sestriere sia quasi tutto chiuso i giorni passano veloci perchè siamo un bel gruppo e ci divertiamo con poco; gli allenamenti procedono bene, ieri abbiamo svolto l'ultimo lavoro importante di rifinitura e quindi da qui a sabato prossimo bisogna solo trovare brillantezza senza strafare.
Lasceremo i 2000mt di Sestriere giovedì mattina, direzione Malpensa, scalo a Lisbona, poi Lisbona - Funchal ed infine viaggietto in pullman fino a Porto Moniz, insomma arriveremo a destinazione giusto giusto per cena. Il venerdì ci sarà occasione di visionare almeno una parte del tracciato e sabato sarà il giorno gara.


Vi lascio con il link al sito ufficiale della manifestazione: http://www.emrchportomoniz2015.com/


E con la pagina ufficiale del Team Italia, mettete un Mi Piace per seguirci: Mountain Running Italian Team
 

Foto: Maurizio Torri